I cambiamenti del programma AdGrants

Le linee guida principali per affrontare i cambiamenti di AdGrants.

Dopo il 1° Gennaio 2018 le regole per gli Account AdGrants sono cambiate.

Le vecchie regole base degli account Grants erano piuttosto semplici:

  • limite di budget giornaliero a 329$, per una spesa di 10.000$ al mese;
  • costo per click (CPC) massimo di 2$;
  • solo campagne Rete di Ricerca;
  • erano consentiti solo annunci di testo.

 

Fino ad Agosto 2017 era inoltre possibile, per un account Grants che utilizzasse tutto il budget a disposizione, richiedere di entrare nel programma “Grants Pro” per ottenere la possibilità di spendere fino a 40.000$ al mese per la pubblicazione degli annunci. Oggi il programma “Grants Pro” non è più attivo in Italia.

Seppur inizialmente alcune di queste regole potevano essere dei limiti abbastanza stringenti, Google ha aggiunto alcuni elementi che rendono la gestione ancora più ardua.

Vediamo nel dettaglio i cambiamenti entrati in vigore:

1-Tra tutti i paletti inseriti da Google, in questa nuova versione del regolamento Grants, ce n’è uno positivo: il cpc può essere maggiore di 2$. Ma attenzione però: questo è possibile se, e solo se, le campagne utilizzano la strategia offerta Massimizza le Conversioni. 

2-Non è più possibile utilizzare keyword riguardanti brand che non siano di proprietà della Associazione/Onlus. In poche parole, marchi e brand o nomi stessi di associazioni “concorrenti” o che offrono lo stesso servizio, non possono più essere utilizzate come keyword per portare traffico alle campagne.

3- Altro punto che richiede – caso per caso – interpretazioni diverse è quello legato all’utilizzo di termini troppo generici. Ad esempio: parole chiave come “notizie di oggi”, “download di giochi”, “avviso di lavoro” non sono più permesse.

Citiamo la guida ufficiale di Google: “Non sono ammesse le parole chiave composte da una sola parola, troppo generiche per riflettere la missione delle organizzazioni non profit, tranne nei seguenti casi: termini correlati al brand, termini relativi a condizioni mediche, termini direttamente correlati al sostegno di un ente di beneficenza o relativi a temi particolarmente sensibili supportati dagli enti di beneficenza.

C’è però una lista di parole chiave che non è sottoposta a questa restrizione e che va valutata – caso per caso – in base alla mission dell’associazione.

Eccola qua: dona, donazione, ong, ONG, no-profit, non-profit, beneficenza, senzatetto, barbone, MOOC, suicidio, maltrattare, maltrattamenti, maltrattato, molestatore, molestie, stupro, traffici illegali, dipendenza, stigmatizzazione, bullismo, bullo, prevaricazione, cyberbullismo, aborto, adozione, lesbica, gay, bisessuale, transessuale, intersessuale, LGBT, LGBT+, LGBTQ, LGBTI

4- Un altro aspetto che non può più essere sottovalutato è la qualità delle campagne e la sua struttura. Dal 1° Gennaio, infatti, non è più possibile avere nelle campagne parole chiave con un punteggio di qualità (QS) uguale o inferiore a 2. Sarà necessario quindi metterle in pausa, così da evitare il blocco dell’account.

5- Le altre norme, sempre a livello account, da rispettare sono:

  • rispondere al sondaggio annuale sulla natura del Grants;
  • localizzare la campagna in un’area ben definita e pertinente con la Mission dell’Associazione;
  • inserire almeno 2 gruppi di annunci a campagna con almeno 2 annunci per gruppo;
  • inserire almeno 2 estensioni sitelink;
  • il rendimento dell’intero account deve mantenere un Click Through Rate (CTR) complessivo di almeno un 5%.

Nel caso non sia possibile soddisfare i requisiti specificati sopra si può optare per la versione AdWords Express che imposta automaticamente tutta la struttura dell’account.

Gli account che violano le norme del programma possono essere sospesi automaticamente e senza preavviso. In questo malaugurato caso si può richiederne il ripristino. Tutto questo solo dopo aver apportato le modifiche necessarie per renderlo conforme. 

Ma perché questo cambiamento?

Citando Google per “garantire una maggiore chiarezza” e “offrire standard di qualità più alti per i servizi di pubblicità gratuita”.

Niente paura 🙂
Il team di Green.Click è qui per aiutarvi e supportarvi in questa importantissima fase. Contattateci per un’analisi gratuita!

Serve una Mano con AdGrants?

In Green.Click abbiamo un team Google AdGrants specializzato per ogni tua esigenza pubblicitaria.
Contattaci al +39 0721 854890 e le tue campagne AdGrants saranno un successo!